Roussillon
Sei in: > home > catalunya > luberon

Luberon

Roussillon, Vaucluse ed Arles

Il nostro viaggio verso la Spagna ci porta ad attraversare prima gran parte della Francia, programmiamo quindi qualche sosta al di là delle Alpi. Passato il Montgenèvre la prima tappa è il Lago di Serre-Ponçon, più volte oggetto di nostre soste. Proseguendo in direzione Apt, molto carino, andiamo alla ricerca di luoghi per noi ancora sconosciuti della Provenza, in particolare delle perle della regione Luberon.

Cominciamo con Roussillon, nota per il colore delle sue terre e il meraviglioso Sentiero delle Ocre, da cui usciamo letteralmente colorati. Visitando poi il paesino arroccato godiamo di un'ottima vista sul territorio circostante.

Provence: GordesLa tappa seguente è Gordes, altro villaggio tipico del Luberon, molto trafficato, soprattutto dopo che vi hanno girato il film "Un'ottima annata". Proseguiamo quindi verso mete più fresche, dove il tema principale è l'acqua e visitamo L'Isle-sur-la-Sorgue, con le strade circondate dalle acque dell'omonimo fiume.

Risalendo quindi il fiume Sorgue, giungiamo alla sua sorgente, tra le maggiori al mondo in quanto portata: Fontaine-de-Vaucluse. La passeggiata fino alla sorgente è breve e costellata da bancarelle turistiche, ma lo spettacolo della grotta ai piedi del Mont Ventoux ripaga ampiamente il "sacrificio". Solo qui si capisce cosa indusse Petrarca a scrivere «...chiare fresche e dolci acque...».

Camargue, la costa e Perpignan

Il nostro itinerario prosegue verso sud, con la visita ad Arles, importante città alle porte della Camargue. Il centro storico è ricco di antichi edifici romani: Les Arènes (l'anfiteatro), il teatro, le terme. Sostiamo nei pressi del Rodano, il grande fiume che, pur nascendo in Svizzera, attraversa la Francia del sud raccogliendo le acque dei più noti fiumi della Provenza, tra cui Saône, Ardèche, Verdon e Gard, prima di creare il grande delta che forma la riserva naturale della Camargue.

Camargue: plage de PiemançonÈ proprio all'estremità del Rodano che ci fermiamo lungo una delle spiagge più selvagge dell'intera Francia: la Plage de Piemançon. Nelle giornate variabili, in alternativa al bagno, si possono effettuare lunghe passeggiate ininterrotte a bordo mare, tra roulottes stanziali e spiagge nudiste.

La tappa successiva ci porta lungo la costa francese fino a Sète, dove ci godiamo il tramonto, cenando in un chiringuito su una spiaggia di conchiglie.

L'ultima sosta francese è Perpignan, una città dal bellissimo centro storico, con strade lastricate di marmo e curate aiuole lungo i canali.

Lasciamo quindi la Francia intenzionati ad attraversare la frontiera con la Spagna sui bassi Pirenei.

Continua...

Fotografie

Selezionate dall'archivio:

  • Tommaso
  • Caravan
  • Camargue #1
  • Apéritif
  • Camargue #2
  • Coiffure
© 2013-2019 thomasmoore.it