Provenza
Sei in: > home > catalunya > provence

Provenza

Riserva Africana di Sigean

Di ritorno dalla Spagna, proviamo a cercare senza successo un posto tranquillo dove dormire a La Jonquera, così rientriamo in Francia e dormiamo ai piedi dei Pirenei. Il giorno dopo non possiamo fare a meno di fermarci alla inflazionata Réserve Africaine de Sigean.

Sigean: riserva africanaSolo all'ingresso scopriamo i prezzi esorbitanti ma, per i bambini, rinunciare a questo punto è impensabile. La parte da percorrere in auto/camper è divertente, nonostante la coda presso il settore dei leoni: i paesaggi ed il clima sembrano davvero quelli africani. La parte a piedi è ben realizzata, ma molta natura e pochi animali; niente a che vedere con il giardino zoologico di Vienna o lo zoo de La Palmyre. Proseguiamo poi verso nord, fino a Narbonne.

Il giorno seguente maciniamo un po' di km, sempre evitando le strade a pedaggio, toccando Beziers, Montpellier, Nîmes (tutte tappe dove ci ripromettiamo di tornare con più calma) e la più volte visitata Avignon.

Viaggiando ancora un po' verso ovest, ci fermiamo presso un'incantevole cittadina provenzale: Forcalquier, con le sue stradine strette, dove è facile perdersi tra ristoranti, negozietti e i colori tipici della terra di Provenza.

Lac de Serre-Ponçon

Il nostro itinerario si conclude con la stessa tappa con la quale si era aperto: una sosta lungo il Lac de Serre-Ponçon (noto anche come lago di Embrun). Qui ci godiamo qualche bagno nelle sue fresche acque dolci, una grigliata, un bellissimo tramonto, pranzo al baretto ricavato da un vecchio autobus londinese, ritrovo tipico degli appassionati di windsurf e kitesurf.

Affrontiamo così rigenerati il ritorno attraverso i tornanti del colle del Monginevro e la valle di Susa fino a casa.

Fotografie

Selezionate dall'archivio:

  • Ceramica
  • Saponi di Provenza
  • Windsurf
  • Verdure
  • Coccodrillo
  • Bar on the bus
© 2013-2019 thomasmoore.it