Veneto
Sei in: > home > italia > alpi e dolomiti > veneto

Veneto

Le Tre Cime di Lavaredo, Cortina e il mare

Le tre Cime di LavaredoPoco dopo il lago di Landro lasciamo il Trentino-Alto Adige per entrare in Veneto e la strada comincia a salire seriamente. Arrivati al lago di Misurina (poco prima) svoltiamo a sinistra sulla strada che porta alle 3 cime di Lavaredo e si presenta l'alternativa di sostare nell'ampio parcheggio (attrezzato?) a pagamento e proseguire con autobus/navetta, ma noi proseguiamo. Dopo pochi tornanti e un piccolo laghetto arriva il conto: 30 € per proseguire sulla strada ed il diritto di passare su non più di una notte. Continuiamo. Altri 5 km infernali di tornanti e pendenze medie del 12%, con punte di 19%, e finalmente arriviamo ai 2330 m. dei piedi delle Tre Cime di Lavaredo, simbolo delle Dolomiti.

Dal rifugio Auronzo, antistante il parcheggio semi affollato di macchine, autobus e pochi camper, parte uno sterrato che, costeggiando quasi in piano le tre cime, conduce al rifugio Lavaredo. Oltre il rifugio Lavaredo, la passeggiata è pur sempre leggera ma su mulattiera, quindi impensabile per un passeggino doppio(!).

I colori del cielo e delle montagne circostanti al tramonto sono indescrivibili, la vista sulle valli sottostanti, pure. Ma l'emozione più grande arriva quando dopo cena il rifugio Auronzo spegne il generatore e le luci e ci godiamo l'intera Via Lattea nel buio più totale. La temperatura scende verso i 4 o 5 gradi e quindi dormiamo con la stufa accesa quasi tutta la notte.

L'alba è ancor più bella del tramonto, ma già dopo colazione il parcheggio torna ad affollarsi di turisti chiassosi e quindi partiamo verso la lunga discesa dai monti (a parte la breve salita del Passo delle Tre Croci) che ci porterà verso Cortina d'Ampezzo prima, ed il mare poi.

Lido di JesoloA Cortina d'Ampezzo, rinomata località turistica molto chic, non sono tollerati i camper, tantomeno i camperisti, visto le distanze dal centro cittadino a cui sono sorti i campeggi. Continuiamo così a scendere fino al mare e, arrivati a Mestre, optiamo per Lido di Jesolo (visto che Chioggia e Sottomarina le conoscevamo già).

Questo tratto di costa sull'Adriatico non offre particolari attrattive paesaggistiche, ma una moltitudine di servizi ai vacanzieri: villaggi, campeggi, pensioni, ombrelloni, lettini, sdraio, etc. Passiamo così qualche giorno di caldo e relax.

Ultima tappa prima di tornare a casa: Venezia.

Continua...

Fotografie

Selezionate dall'archivio:

  • Le nuvole vanno
  • Pablo
  • Casetta Gustav Mahler
  • Mamma!
  • Dopo la pioggia
  • Torre dei Scarperi
© 2013-2019 thomasmoore.it