Civita di Bagnoregio
Sei in: > home > italia > puglia > epilogo

EPILOGO

Bomarzo, Bagnoregio e Bolsena (Viterbo)

Un ultimo sguardo a Matera dalla riva opposta della sua gravina ed incominciamo il lento ritorno verso casa. Dopo qualche ora in autostrada, oltre Napoli e Roma, al confine tra Umbria e Lazio, raggiungiamo Bomarzo. È ormai il tramonto quando entriamo al celebre Parco dei Mostri nel Sacro Bosco di Bomarzo. Il parco, voluto nel '500 dal principe Orsini, è famoso per le statue gigantesche in pietra raffiguranti creature grottesche o mostruose.

I Sassi di MateraContinuiamo il nostro rientro con una sosta lungo le coste del Lago di Bolsena. Purtroppo il meteo non ci fa apprezzare appieno le bellezze di questi luoghi e così ripartiamo verso un'altra perla della provincia viterbese: Civita di Bagnoregio. Nota come "la città che muore", in realtà è vivissima e turisticamente molto attiva. Dal centro di Bagnoregio, dove solo parcheggiare il camper costa una fortuna (meglio sfruttare il parcheggio del supermercato...), è disponibile una navetta fino ai piedi dell'antica frazione Civita. Questa, che sorge su uno sperone di tufo, è unita alla "terra ferma" da un lungo ponte pedonale e dal quale si gode un'ottima vista sui calanchi e l'omonima valle circostante.

Riprendiamo il cammino lungo la SS2 Cassia, godendo nuovamente dei meravigliosi paesaggi Toscani. Seguono: Siena, Firenze, Versilia, Genova.

Fine

Fotografie

Selezionate dall'archivio:

  • Sul ponte pedonale
  • Proteo Glauco
© 2013-2019 thomasmoore.it