Ponte Gobbo a Bobbio

Cari amici, sfruttando la chiusura delle scuole, e la conseguente assenza di compiti, abbiamo deciso di rimetterci in marcia per il fine settimana. La meta è un posto che avremmo voluto visitare già nel viaggio di capodanno 2020, ma che rimaneva un po’ fuori dal nostro itinerario. Parliamo di Bobbio, scelto da Rai3 come il Borgo dei Borghi 2019.

Così, noncuranti del meteo inclemente, siamo partiti in direzione Emilia Romagna, percorrendo autostrade e strade minori.

Ponte coperto Pavia
Pavia – Ponte Coperto

Sosta pranzo a Pavia, sulla riva del Ticino, nei pressi del celebre Ponte Coperto. Uscendo dal centro, abbiamo incrociato l’interessante il sistema di chiuse che regolano il Naviglio Pavese, prima che questo si getti nel Ticino.

Proseguendo verso Piacenza abbiamo raggiunto la Val Trebbia, ma pioggia e buio ci impediscono di apprezzarne i paesaggi mentre risaliamo verso Bobbio.

Bobbio

Il borgo è molto carino e, anche se parecchi locali sono chiusi, riusciamo comunque a fare una cenetta fuori. Dormiamo nel parcheggio della scuola. Dopo una notte di pioggia incessante, il maltempo ci concede una tregua nella mattina e così ne approfittiamo per visitare un po’ il centro storico.

Ovviamente non potevamo non attraversare e fotografare il celebre Ponte Gobbo, che rende il paesaggio di Bobbio ancora più particolare.

Ponte Gobbo Bobbio
Bobbio – Ponte Gobbo

NB: Appena fuori dal paese c’è una grande area di sosta camper (10€/24h).

Per il ritorno abbiamo fatto la strada statale 461 del Passo Penice (1149 m) che agevolmente ci riporta nell’Oltrepò Pavese. Passati da Varzi, abbiamo fatto il pieno di salami dop, mentre ci aspettavamo di più da una località come Salice Terme, forse più viva nella bella stagione.

Giunti a Tortona prendiamo l’autostrada fino a casa. 435 km totali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + 5 =


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: