Corsica costa ovest
Sei in: > home > francia > corsica > costa ovest

Corsica costa ovest in camper

Dettagli del viaggio

Periodo: 10-28 agosto 2019

Durata: 19 giorni

Percorso: 1060 km
di cui in Corsica: 700 km

In breve

12 anni dopo la nostra ultima volta in Corsica, ci siamo tornati per visitarne la Costa Ovest, generalmente meno adatta ai camper (con l'età abbiamo perso giudizio e guadagnato coraggio).

Itinerario viaggio

Ivrea - Genova (traghetto) Bastia - Macinaggio - Centuri - Ostriconi - Calvi - Galeria - Porto - Piana - Cargese - Ajaccio - Cupabia - Olmeto - Bastelica - Col de Scalella - Vizzavona - Corte - Gorges de la Restonica - Bastia (traghetto) Genova - Ivrea

Visualizzate la mappa del percorso sulla costa ovest della Corsica »

Tappe principali

Capo Corso

Dopo l'attraversata in traghetto Genova - Bastia, iniziamo il nostro nuovo viaggio in Corsica alla ricerca dei luoghi più remoti e isolati che il nostro mezzo ci permetterà di raggiungere: limitate le visite, niente tour de force o tappe ravvicinate, lunghe soste. Conosciamo già gran parte della Corsica, quindi: solo relax.

Marine d'AlbuIniziamo con il giro del Capo Corso (Cap Corse), per gli amici: il dito. Per la prima volta ci spingiamo su a nord fino a Macinaggio, scollinando poi verso Centuri. Da qui la strada, benché molto panoramica, diventa stretta ed occorre fare attenzione incrociando altri veicoli. Sostiamo per un bagno a Marina di Giottani su una spiaggia di sassi non tanto comoda.

Poco più a sud troviamo un bel posto a Marine d'Albo: ampia spiaggia di ciottoli neri e tondi, area sosta camper spartana ma ombreggiata e piccolo paese con negozio e ristoranti.

A seguire: Nonza e tutta la D80 che completa il tour di Cap Corse nella bella ma affollata St-Florent. Dopo una breve sosta per la spesa proseguiamo per il Désert des Agriates.

Plage de l'OstriconiLa Balagne

Ostriconi

Dopo il tour del Capo Corso, il nostro viaggio continua attraversando il Désert des Agriates, ed entrando così nella regione della Balagne.

Ci fermiamo, come nei passati viaggi in Corsica, al confine ovest del deserto, dove la strada ritrova la costa: a Plage de l'Ostriconi. La spiaggia è selvaggia e di sabbia fine, il maestrale ci regala delle onde favolose. Con la canoa esploriamo il delta del fiume Ostriconi, che sfocia a ridosso dell'omonima spiaggia.

Galéria

Riprendiamo il viaggio, attraversando velocemente la popolare zona nord della Balagne (Île-Rousse, Algajola e Calvi), per percorrere una delle tante strade impervie della Corsica: la strada costiera D81B che conduce a Galéria. La carreggiata è stretta e l'asfalto è dissestato per metà del percorso, ma i paesaggi sono mozzafiato.

Giunti a Galéria, anche qui facciamo il bagno sia in spiaggia, ampia e lunga, sia sul fiume Fango, che qui ha il suo delta classificato Riserva della Biosfera dall'UNESCO. È possibile accedervi per brevi escursioni in kayak, nel rispetto di poche regole: silenzio, rispetto di flora e fauna, protezione del sito.

Prima di lasciare Galéria, risaliamo per un breve tratto il fiume Fangu, dove l'acqua forma delle accoglienti pozze tra gli enormi massi. Continuiamo poi verso una zona del tutto nuova per il nostro camper: Porto e le calanques di Piana.

Les Calanques de Piana

Porto

Partiti da Galéria lasciamo la Balagne in direzione sud, lungo la D81, strada tortuosa ma in buone condizioni, tutte all'interno della Riserva Naturale di Scandola. Passiamo così dalla Corsica Settentrionale o Alta Corsica (Haute-Corse) alla Corsica del Sud (Corse-du-Sud) ed entriamo a Porto, la prima destinazione "nuova" rispetto ai nostri precedenti viaggi.

La cittadina non è niente di speciale, se non fosse per la vicinanza a les Calanques de Piana, patrimonio UNESCO, e l'omonima foresta. Temuta da molti camperisti, la strada delle Calanches a dire il vero risulta stretta solo nel passaggio tra i meravigliosi calanchi, circa 1,5 km, dove tutti (macchine comprese) procedono a passo d'uomo per ammirare o fotografare il paesaggio.

Plage d'AronePlage d'Arone

Raggiunta Piana, facciamo una deviazione verso il mare e scendiamo per circa 13 km fino a Plage d'Arone: campeggio tranquillo e spiaggia meravigliosa. La strada comoda regala splendidi panorami sul Golfo di Porto, su colline, pascoli, e infine sulla frastagliata costa occidentale della Corsica.

Torniamo a Piana ritemprati e pronti a proseguire il nostro viaggio lungo la costa ovest della Corsica.

La costa occidentale corsa

Golfo di Sagone

Corte: Museo CorsicaLasciamo Piana verso sud e dopo qualche km di strada senza particolari difficoltà arriviamo a Cargèse. Facciamo una sosta per visitare le sue chiese: una di rito greco contrapposta a quella di rito cattolico romano. Il tratto di costa occidentale della Corsica che segue è caratterizzato da una strada molto più vicina al mare, per cui è facile avvistare e raggiungere spiagge e luoghi dove effettuare una sosta bagno.

Consigliati dalla guida, ci fermiamo a Sagone, rinomata per l'ottima cucina e per la sua lunga spiaggia di sabbia. Il giorno seguente continuiamo a trovare ottimi punti a bordo strada, più adatti alla sosta giornaliera che a quella notturna.

Golfo di Ajaccio

Continuando verso sud lungo la D81 abbandoniamo temporaneamente la costa per raggiungere Ajaccio. La città più grande della Corsica ci ricorda le principali città della Costa Azzurra: il porto, le strette strade del centro, gente ovunque e conseguente difficoltà a trovare un parcheggio! La visitiamo così rapidamente dal camper, prima di dirigerci verso le spiagge del suo golfo lungo la D55. La vicinanza con Ajaccio fa sì che i luoghi siano abbastanza sfruttati turisticamente e di conseguenza molto frequentati. Quindi tiriamo dritto.

Non se la prendano i concittadini di Napoleone, ma noi quest'anno cerchiamo altro!

Golfo di Valinco

Aggiriamo Coti-Chiavari lungo la penisola di Capu di Muru percorrendo una strada tortuosa con tanti ma brevi sali e scendi. Prima di Serra di Ferro, nel golfo di Propriano, facciamo una deviazione verso il mare, diretti alla Plage de Cupabia. La sua sabbia bianca e l'acqua cristallina saranno il ricordo indelebile dei nostri ultimi giorni di mare, prima di intraprendere il viaggio di ritorno attraverso la Corsica interna.

L'interno

Entroterra

Col de ScalellaDopo un ultimo saluto al mare a Cupabia, partiamo per la Corsica interna. Prima sosta a Filitosa, il sito prestorico dove potete ammirare le famose statue-menhir ed i ritrovamenti sul luogo fin dal Neolitico.

Scendiamo per la spesa ad Olmeto e, a seguire, risaliamo lungo la T20 in direzione Ajaccio. Arrivati a Cauro, per evitare di rifare un pezzo di strada fatto all'andata, deviamo verso Bastelica lungo la D27. Dopo Bastelica la strada è al limite della praticabilità: sassi franati per le recenti piogge, rami bassi, carreggiata stretta e… maiali in libertà! Nell'ultimo tratto prima del Col de Scalella (1191 m) la strada migliora un pochino. La discesa dal colle ci regala spettacolari panorami sulle montagne circostanti. Ripresa la T20 affrontiamo la comoda ma lunga salita a Vizzavona.

Gorges de la Restonica

Arrivati a Corte, decidiamo di risalire la vicina Vallée de la Restonica. La strada, che parte dal centro, è stretta ma non molto pendente. I veicoli di ampiezza superiore al m 1,90 devono fermarsi dopo circa 7 km, a Tuani, dove fortunatamente sorge un bel campeggio lungo il fiume che rappresenta anche l'unica soluzione per passare la notte nella valle, visto il divieto di sosta notturna lungo tutta la strada delle Gole della Restonica. Ottima base da cui partire per escursioni tra i monti, ai vicini laghi o meno impegnative passeggiate tra pini e castagni.

L'ultimo giorno di viaggio in Corsica, torniamo a visitare Corte. Come 12 anni fa, rimaniamo affascinati dal nido d'aquila della cittadelle che domina sull'antico borgo. Infine, passando da Ponte Leccia, rientriamo a Bastia per traghettare verso l'Italia.

Fine.

Campeggi e aree di sosta camper

Vi segnaliamo i campeggi e aree attrezzate per sosta camper che abbiamo trovato durante il nostro viaggio lungo la costa ovest della Corsica.

Fotografie

Seguono alcune foto pescate a random dall'archivio. Guardate tutte le fotografie del viaggio sulla costa occidentale della Corsica »

  • Kayak
  • Kayak
  • Occhio ai limiti
  • Scogli e sabbia bianca
  • Strada litoranea D81B
  • Fiume Restonica
© 2013-2020 itineraricamper.it by thomas moore