Londra
Sei in: > home > viaggio a londra

Viaggio a Londra in camper

Dettagli del viaggio

Periodo: 3-24 agosto 2014

Durata: 3 settimane

Percorso: 3210 km

In breve

Quest'anno decidiamo di disertare il mare, non perché non ci piaccia, ma per la scelta di portare i bambini ad Eurodisney e, di conseguenza, visitare 2 delle città europee che amiamo di più: Parigi e Londra. Nonostante precedenti visite a Londra e un viaggio a Parigi in camper, ci mancava l'esperienza estiva in entrambe le capitali.

Premessa

Abbiamo fatto nostro il motto che dice (citando una nota canzone degli Aerosmith) "life's a journey, not a destination", così, nonostante la nostra destinazione fosse Londra, qui trovate informazioni, fotografie ed aree di sosta di tutto il percorso, ossia Francia ed Inghilterra.

Itinerario viaggio

Ivrea - Col du Mont Cenis - Modane - Annecy - Beaune - Disneyland Paris - Parigi - Rouen - Calais - Dover - Hastings - Eastbourne - Londra - Canterbury - Dover - Calais - Reims - Dijon - Chambery - Colle del Moncenisio - Ivrea

Visualizzate la mappa del percorso fino a Londra »

Tappe principali

Savoia

Dal Moncenisio ad Annecy

Il nostro viaggio in Inghilterra in camper inizia attraversando da sud a nord tutta la Francia, approfittiamo quindi per visitare una zona poco battuta dai nostri precedenti viaggi in camper in Francia: la Savoia.

Savoia: AnnecyEntriamo così in Francia attraverso il panoramico Col du Mont Cenis (o Moncenisio), anche questo per noi inedito. La strada è molto ampia ed agevole e i suoi tornanti non ci creano particolari problemi. Quasi in cima al passo troviamo il bellissimo Lago del Moncenisio presso il quale sorge una chiesa a forma di piramide, un museo ed un giardino botanico.

Scendendo verso Modane, sostiamo alla Redoute Marie-Thérèse, una delle 5 fortificazioni (Forti dell'Esseillon) costruite nel XIX secolo per proteggere il passo del Moncenisio ed il Piemonte da un'invasione francese. Nei boschi circostanti, oltre al Pont du Diable, si trova un parco avventura con carrucole ed un volo tra i più lunghi del mondo (640 metri di lunghezza!).

Proseguiamo per Modane e, arrivati a Chambery, deviamo dal percorso ideale, per visitare un'ambita meta dell'Alta Savoia: l'incantevole Annecy. La cittadina sorge sulle sponde dell'omonimo lago ed è attraversata da numerosi canali, motivo per il quale è anche nota come la "piccola Venezia delle Alpi".
Il centro pedonale, molto frequentato dai turisti, offre molti posti dove prendere un aperitif o una cena completa, ma è anche possibile gustare la cena a bordo di un battello durante una romantica gita sul lago.

Verso nord: Bourg-en-Bresse, Beaune ed Auxerre

Beaune: Hôtel-DieuLasciata Annecy ci dirigiamo nuovamente a nord, sempre evitando le strade a pedaggio. Raggiungiamo così Bourg-en-Bresse, dove troviamo il Monastero e la Chiesa di Brou, poi Maçon, ed infine Beaune, dove anni prima avevamo visitato l'Hôtel-Dieu.

Oltre al famoso Hospice del '400, la città di Beaune ruota attorno alla tradizione vitivinicola, con un Museo del vino di Borgogna e un'ampia scelta di ristoranti, vinerie ed enoteche. Persino il parcheggio fuori le mura, durante la notte, proietta sugli antichi bastioni animazioni e giochi di luce sul tema del vino.

Il giorno dopo, attraversando infiniti filari di vigneti, proseguiamo in direzione Auxerre, dove sostiamo brevemente a pranzo, uscendo così definitivamente dalla Borgogna (ci torneremo nuovamente durante il viaggio di ritorno).

Ma ancora una tappa ci separa dalla nostra prima delle principali mete di questa vacanza: Disneyland Paris!

Parigi ed Eurodisney

Disneyland Paris

Disneyland ParisDopo aver attraversato Savoia e Alta Savoia, percorso il bordo occidentale della Borgogna e oltrepassato l'immensa foresta e il Castello di Fontainebleau, giungiamo quasi a destinazione, nei dintorni di Parigi. Decidiamo di fermarci a Melun, sulla Senna, non troppo distanti da Eurodisney per la prevista visita dell'indomani. Acquistiamo quindi online i biglietti, in quanto comprati almeno un giorno prima dell'utilizzo costano meno (non abbiamo detto che costano poco, ma meno!).

La mattina seguente, appena aperti i cancelli entriamo e lasciamo il camper nell'apposita zona nel gigantesco parcheggio del parco di divertimenti più famoso di tutta Europa: Disneyland Paris.

In realtà i parchi a tema Disneyland a Parigi sono 2:  Disneyland park e Walt Disney Studios park, il primo più adatto ai bambini piccoli, il secondo a quelli più grandi. Inutile descrivere la gioia e l'entusiasmo davanti ad ogni attrazione. Ci limiteremo a consigliarvi di utilizzare i fastpass (prenotazione gratuita delle attrazioni con indicazione dell'ora in cui presentarsi) per evitare le interminabili file. Informazione utile per chi viaggia in camper: nel prezzo del parcheggio è compresa la permanenza notturna fino alle ore 10:00 del mattino seguente.

Parigi

L'indomani ci dirigiamo a Paris, dove ci accoglie una fastidiosa pioggerellina, così approfittiamo per fare un giro della città di Parigi a bordo del camper, prima di dirigerci a Bois de Boulogne per la notte.

Consigliamo di prenotare il campeggio in anticipo, in quanto in alta stagione è facile trovare "completo" l'unico camping a Parigi. Una comoda navetta (a pagamento) effettua un servizio h24 verso la più vicina stazione della metro: Porte Maillot (M1), zona Arco di Trionfo. I carnet da 10 biglietti della metro permettono di risparmiare sul prezzo della singola corsa.

Parigi: torre EiffelNei giorni seguenti visitiamo quindi Parigi ed i suoi monumenti più importanti, cercando se possibile di evitare le attrazioni viste nel nostro precedente viaggio di capodanno a Parigi.

Saliamo così sulla Torre Eiffel, percorriamo le Paris Plages lungo la Senna, visitiamo il Museo del Louvre, scarpiniamo fino a Sacré Cœur (Basilica del Sacro Cuore), ci perdiamo per le strade di Montmartre, ammiriamo la Cattedrale di Notre-Dame.

Per gli amanti dell'arte contemporanea ed un'esperienza unica consigliamo la visita al palazzo in Rue de Rivoli 59, occupato da un collettivo di artisti dove, oltre alle loro opere, potrete vedere gli stessi in azione.

Per altri dettagli sulla nostra visita a Parigi vi rimandiamo alla sezione fotografie; vi consigliamo invece di utilizzare una guida completa di Parigi per maggiori informazioni turistiche sulla città.

Dintorni di Parigi

Lasciata Parigi, ci dirigiamo a nord e ci fermiamo a Verneuil-sur-Seine, piccolo paese fluviale sulle rive della Senna. La presenza della base de loisir "Val de Seine 78" con un lago blaneabile attrezzato ne fa la meta ideale per riprendersi dopo le lunghe camminate per le strade parigine.

Il giorno seguente ci spostiamo di poco perché, sempre nei pressi di Parigi, troviamo Poissy, nota ai più per la presenza del capolavoro dell'architettura moderna Villa Savoye, ad opera di Le Corbusier. Completiamo così il nostro elenco e idealmente l'itinerario dei più importanti edifici di Le Corbusier in Francia (<< vedi lo Speciale Architettura). Terminata la visita, ancora con il batticuore, ripartiamo verso la Normandia.

Normandia e Piccardia

Rouen

RouenDopo la visita a Parigi e dintorni, il nostro viaggio a Londra prosegue verso nord, verso la Normandia, verso la Manica. La prima tappa in questa terra la facciamo a Rouen, città dove venne arsa Giovanna d'Arco. Le testimonianze del passaggio in città della pulzella sono molte, anche nell'imponente Cattedrale gotica, che ricordiamo ritratta da Monet nei sui studi sulla luce. Non sostiamo molto tempo a Rouen in quanto l'avevamo già visitata anni prima durante un precedente viaggio in Normandia.

Continuando verso nord giungiamo infine al mare nei pressi di Dieppe. Da qui proseguiamo verso Le Tréport prima (altra tappa già incontrata) e lungo la costa della Piccardia poi.

 

Costa d'Opale

Percorrendo la strada costiera, indicata come Calais par la côte, possiamo ammirare uno spettacolo della natura: la Côte d'Opale (o Costa d'Opale), caratterizzata da alte falesie e pascoli verdi in alto, dune e ampie spiagge in basso. Consigliamo vivamente questa alternativa, alla più veloce, ma interna, tra Boulogne-sur-Mer e Calais.

A Calais arriviamo al tramonto (ricordate che qui ad agosto il sole tramonta alle 21:00!), giusto in tempo per acquistare i biglietti del traghetto per l'indomani, risparmiando un bel po' sulle tariffe. La città offre molte spiagge ampie e sabbiose, ma il clima non invita affatto ad un bagno nelle fredde acque della Manica. Così la mattina seguente ci imbarchiamo sul traghetto Calais Dover per raggiungere finalmente la Gran Bretagna.

Inghilterra: East Sussex

Hastings

Dopo esattamente 1500 km di viaggio, lasciamo il "Continente" a Calais e attraversiamo la Manica a bordo dei traghetti per Dover. Abbiamo preferito il viaggio in traghetto (durato 1:30 minuti) rispetto all'EuroTunnel per goderci lo spettacolo delle bianche scogliere di Dover illuminate dal sole del mattino e, non nascondiamolo, per il minor costo!

Una volta sbarcati in terra inglese, l'impatto con la guida a sinistra non ci sconvolge più di tanto, salvo affrontare le prime rotonde con molta lentezza... ma ci si prende subito la mano.

Hastings: pescherecciLa prima tappa è ad Hastings, ridente località di villeggiatura inglese. Il lungomare è caratterizzato da ristoranti, sale giochi, bingo e casino, i parcheggi sono per lo più destinati alle autovetture e tutti a pagamento (salatissimo!), fatichiamo quindi a trovare un posto per sostare. Ad ogni modo visitiamo la particolare Old Town, con i suoi tipici net shops (capanni neri di legno per riporre le reti al riparo dalle intemperie); vediamo all'opera i caratteristici pescherecci lungo The Stade - la spiaggia locale - di ritorno dalla pesca in mare; assaggiamo il nostro primo ed autentico fish and chips inglese.

La sera ci spostiamo alla vicina Bexhill per incontrare degli amici del posto.

Eastbourne

Eastbourne: air showIl nostro itinerario prosegue facendo visita al Royal Observatory di Herstmonceux con i suoi telescopi storici e all'annesso Science Center, un museo altamente interattivo dove i bambini, attraverso esperimenti ed esperienze interattive apprendono nozioni scientifiche, divertendosi.

Il giorno dopo visitiamo Eastbourne, altra località balneare dell'Inghilterra del sud. Dalla sua ampia spiaggia, assistiamo allo spettacolare Airbourne (vedi Eastbourne International Airshow), annuale esibizione gratuita di acrobazie aeree in cui compaiono, tra gli altri, le Red Arrows ed un Eurofighter Typhoon.
Per l'occasione tutti i parcheggi del lungomare sono gratuiti ed è possibile pernottare in tranquillità.

Dirigendoci a ovest, sempre nei dintorni di Eastbourne, è possibile incontrare The Long Man of Wilmington, un famoso disegno di pietra sul fianco di una collina, raffigurante un uomo, alto una settantina di metri.

Lewes

La tappa seguente avviene a Lewes, nell'entroterra dell'East Sussex. Sede di una storica battaglia del XIII secolo, Lewes è conosciuta per il suo Castello e per la presenza di un rinomato birrificio. Sostiamo nei pressi della Southover Grange, imperdibile il suo giardino di piante curatissime tra le quali spicca un gelso secolare.

Da qui proseguiamo senza altre fermate fino a Crystal Palace, dove sostiamo con il camper per visitare Londra.

Londra

Camping + Bus

Londra: Buckingham PalaceDopo qualche giorno a spasso per il Sussex e la costa sud dell'Inghilterra, arriviamo finalmente a Londra.

A differenza di Parigi, la capitale inglese non è visitabile direttamente in camper, vuoi per il traffico, vuoi per una serie di divieti di circolazione per i veicoli considerati inquinanti. Ci fermiamo quindi in un campeggio a Crystal Palace, da qui il centro è raggiungibile in pochi minuti di treno o tramite autobus. Siamo in uno dei pochi camping di Londra interni alla Low Emission Zone, gli altri campeggi fuori dalla L.E.Z. si trovano a nord della città.

Solo visitando Londra dopo aver visto altre città inglesi si capisce quanto la capitale, seppur molto english, sia totalmente diversa dal resto dell'Inghilterra, un mondo a parte. Qui convivono turisti e commuters (pendolari), artisti di strada e giovani rampanti, take away pizza e boutique di Lamborghini, Apple store e mercati delle pulci, grattacieli, sontuosi palazzi, case popolari e topaie.

A Londra è possibile soddisfare qualunque tipo di turismo: parchi sterminati per gli amanti del verde, delle passeggiate o delle pedalate; mostre d'arte e musei per chi è in cerca di cultura; negozi, moda e shopping per tutte (o quasi) le tasche; pub e ristoranti per tutti i gusti; e poi cinema, teatro, spettacoli...

I giorni a nostra disposizione non sono tantissimi, quindi pianifichiamo quotidianamente tragitto e mete da visitare, che puntualmente modifichiamo lasciandoci guidare ora dalla fame, ora dal tempo, ora dalle attrazioni che incontriamo, molte volte casualmente. Una buona tecnica è quella di scegliere uno dei caratteristici autobus rossi a 2 piani per ammirare London dall'alto, scendendo presso i punti di proprio interesse.

Non staremo ad elencarvi tutti i landmarks che abbiamo visitato, potrete trovare maggiori informazioni su qualunque guida turistica di Londra (vedi la nostra sezione libri), citeremo solo le zone in cui abbiamo girato e i luoghi che ci hanno maggiormente colpito: l'area lungo il Tamigi nel South Bank, il British Museum ed il Natural History Museum (gratuiti), Camden Town, Soho e Carnaby Street. Il resto lo potete vedere nella sezione fotografie.

Kent

Lasciamo Londra a malincuore ed iniziamo il nostro lungo viaggio di ritorno. Prima di imbarcarci a Dover col camper, attraversando il Kent, facciamo una visita a Canterbury, antica città inglese, nota per la sua Cattedrale normanna e tappa finale del Cammino di Sigerico (Via Francigena). Alla sera arriviamo a Dover, pronti per prendere il traghetto per Calais, l'indomani. Nella zona della Marina troviamo posti tranquilli dove passare la notte, ma prima... un salto al pub per un'ultima pinta di birra ed un classico fish & chips.

La mattina seguente, il porto di Dover dista pochi minuti in camper e, avendo acquistato il biglietto il giorno precedente via internet, ci resta solo da pagare (contanti o carta di credito, sterline o euro) ed imbarcarci. Dopo 1h e 30m di English Channel sbarchiamo a Calais, pronti ad attraversare la Francia e i suoi vigneti.

I vigneti francesi

Reims e Champagne

Reims: cattedraleTornando in camper da Londra, decidiamo di non fare una lunga tirata nelle autostrade francesi, ma di seguire solo strade senza pedaggio, eventualmente con qualche tappa in più, cosa che ci ha sempre riservato piacevoli scoperte.

La prima sosta, nella Champagne-Ardenne, la effettuiamo così a Reims, altra città (come Orléans e Rouen) che ha la propria storia intrecciata con quella di Giovanna d'Arco. Infatti, nella splendida Cattedrale Notre-Dame de Reims, luogo di incoronazione dei re francesi, la pulzella assistette all'incoronazione di Carlo VII. Quasi 6 secoli dopo tale evento, noi assistiamo ad uno spettacolo di musica e luci proiettate sulla facciata della cattedrale gotica: "Rêve de couleurs" ad opera di Skertzò.

Proseguiamo poi verso un'altra meta classica della zona: Épernay, la capitale dello Champagne. Interamente circondata dai preziosi vigneti, in città è possibile effettuare degustazioni e visite alle cantine più o meno prestigiose (per le maggiori è consigliabile prenotare in anticipo).

Prima di lasciare la regione, nell'Alta Marna incrociamo un opera titanica (per il tempo in cui fu costruita, 1857): il Viaduc di Chaumont, viadotto ferroviario lungo 600m, alto 52m e sorretto da 50 archi sviluppati su 3 piani, il primo dei quali è percorribile a piedi.

Dijon e Borgogna

Segue una tappa dall'inattesa bellezza: Dijon, capitale della Bourgogne, altra terra viticola. Nel centro storico di Digione infatti sono conservate molte case a graticcio, oltre a numerosi palazzi storici. Una volta che vi trovate su una delle sue strade pedonali, seguite le indicazioni per scoprire dove si nasconde la "civetta" simbolo della città...

Continuando il nostro viaggio, nella regione del Jura, a La Tour-du-Meix sulle rive dell'Ain, incrociamo una gara di triathlon. Atleti di tutte le età si misurano con il nuoto, la bicicletta e la corsa.

Ultima tappa del nostro itinerario a Londra in camper è a Les Marches, sul Lac de Saint-André, vicino a Chambéry. Circondato da vigneti dei Vins de Savoie, il lago balneabile ci offre gli ultimi momenti di relax prima di affrontare la salita al Colle del Moncenisio ed il ritorno a casa.

Fine.

Campeggi e aree di sosta camper

Vi segnaliamo i campeggi e aree attrezzate per sosta camper che abbiamo trovato nel nostro viaggio in Inghilterra (molte delle quali in terra francese).

Fotografie

Abbiamo estratto alcune foto dall'archivio, ma potete guardare tutte le fotografie del nostro viaggio a Londra »

  • Fantasyland
  • Monastero reale di Brou
  • Barclays Cycle Hire
  • La tour Eiffel
  • The Observatory Science Centre
  • Camden Town

Racconto sfogliabile

Questo è il nostro racconto di viaggio in Francia e Inghilterra, completo di foto ed aree sosta, tutto da sfogliare.

racconto viaggio a londra

Qui potete scaricare gratuitamente il racconto di viaggio a Londra in formato pdf (4,6 MB).

Libri di viaggio

Elenco di libri utilizzati e consultati durante il viaggio:

  • Parigi Lisa Davidson, Elizabeth Ayre
    Parigi
    White Star, 2012
    Le guide traveler di National Geographic
  • Londra Louise Nicholson
    Londra
    White Star, 2013
    Le guide traveler di National Geographic
  • Londra A. Monti
    Londra
    RCS Periodici, 2009
    Gli itinerari di DOVE
  • Parigi A. Monti
    Parigi
    RCS Periodici, 2009
    Gli itinerari di DOVE
  • Great Britain Road Atlas (2015) AA.VV.
    Great Britain Road Atlas (2015)
    Geographers A-Z Map Co Ltd, 2015
    A-Z Maps

Link utili

Elenco di siti per ulteriori informazioni ed approfondimenti riguardanti i temi ed i luoghi incontrati:


Proponete un link

© 2013-2020 itineraricamper.it by thomas moore